COUS COUS DELLA COSTIERA

couscous colatura alici1
 

RICETTA con molto piacere OFFERTA DA PANDIZENZERO

 

Avete presente quella sensazione di malinconia fortissima che avvertite di fronte ad una canzone, una foto, un odore? Quella specie di morsa che stringe lo stomaco ed inclina la testa? Ecco, a me capita almeno 300 volte l'anno nel momento in cui ricordo le mie vacanze estive nel Cilento, con i suoi olivi, il mare limpidissimo, l'odore di buono, l'aria fina e i pomodori freschi, il basilico e la lavanda, facce felici, l'olio solare, solo cicale e qualche cane che abbaia.

Per me quella è l'idea di vacanza, ma non intesa come ferie d'agosto, assenza dal lavoro, cellulare spento e colleghi dimenticati, no, per me il Cilento è assimilabile all'etimologia della parola vacanza: dal latino VACANTIA, da VACANS, participio presente di VACARE, essere vacuo, sgombro, libero, senza occupazioni. Capito? Senza (pre)occupazioni, il luogo del cuore dove svuotare l'anima e riempirla a piacere, come la calza della Befana.

La ricetta che ho scelto per il contest della  Kucina di Kiara si avvicina a quelle zone, ma si ferma un po' prima, sulla meravigliosa (ma anche di più) costiera amalfitana, dove i limoni ed il pesce regnano sovrani e si incontrano in migliaia e migliaia di piatti, ognuno con il suo sapore e la sua identità. Ho voluto scegliere un ingrediente particolare, come la colatura di alici di Cetara per insaporire un cous cous da servire freddo, al profumo di limone e timo, per ricordarmi che manca davvero poco per me ad essere vacua…….

 

Ingredienti:

  • cous cous (100 gr per 150 ml di acqua)
  • colatura di alici q.b.
  • qualche fetta di pane
  • la buccia di 1 limone
  • timo q.b.
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • sale q.b.

Portare ad ebollizione la quantità di acqua adeguata alla quantità di cous cous che vorrete cuocere, quindi versarla sul cous cous precedentemente posto in una terrina ed attendere che venga assorbita. Dopo pochi minuti con una forchetta separare i granelli per favorirne il raffreddamento, poi mettere da parte.

In una padella antiaderente mettere a tostare il pane ridotto in briciole grossolane, farlo dorare e tenerlo da parte, quindi scaldare l'olio con uno spicchio di aglio, aggiungere qualche fogliolina di timo e rimuovere l'aglio prima che soffrigga. Togliere dal fornello la padella e versare nell'olio ancora caldo (ma non bollente!) la colatura ed il pane.

Quando il cous cous si sarà intiepidito condirlo e servire freddo.

 

 

 

 

 

Con questa ricetta partecipo al contest di Chiara: Cereali&Co. in Insalata

 

 

5 Responses to COUS COUS DELLA COSTIERA

  1. kiarina scrive:

    Grazie per la ricetta, è perfetta per il contest!!! In bocca al lupo!!!!

  2. pandiz3nzero scrive:

    Grazie a te kiarina!

  3. Staximo scrive:

     
    Ciao,
    ho finalmente pubblicato un <a href="http://www.lospaziodistaximo.com/2013/09/italia-foodblog-le-vacanze-hanno.html">post, con l'elenco dei foodblog italiani trovati nell'ultimo periodo</a>, che comprende anche il vostro!
    Simona

  4. pandizenero scrive:

    Grazie mille!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>