LASAGNE BIANCHE AI FUNGHI PORCINI

sagna-01
 

RICETTA CURATA DA CHEZ SBARDE’

La Lasagna, anzi la ‘Sagna’ come la chiama mi’ nipote Frappa, è una delle indiscusse dominatrici delle tavole domenicali. Ne esistono innumerevoli declinazioni, ma per me quella classica con ragù di carne è senza dubbio la migliore.

Però ogni tanto è bello cambiare. E visto che in casa abbiamo un surplus di funghi porcini, frutto di una stagione ricca di grandi sculate, ho deciso di fare una Sagna bianca.

Niente di troppo originale, in realtà. E’ ben noto che funghi & besciamella sono un’accoppiata storica nonché vincente, come prociutto & melone; pizza & fichi; pomodoro & mozzarella; fragole & panna; mela & cotogna; Lazio & merda.

Per dare corpo al tutto ho aggiunto un ragù bianco di maiale e savecicce sbriciolate. In più, vista la mancanza di sugo, ho preferito abbondare con mozzarella e besciamella. La Sagna secca è una iattura.

Ingredienti per 5/6 persone o 2/3 michetti.

  • 1 confezione di pasta per Sagne
  • 3/4 fiordilatte (da 125 gr ciascheduno)
  • 200 gr. di macinato di maiale
  • 2 savecicce
  • Funghi porcini a gogò. Non so le quantità, più ce n’è e mejo è.
  • Besciamella preparata seguendo la procedura indicata qui.
  • 200 gr. di parmigiano grattugiato.

Per prima cosa tagliare i funghi a dadini e farli cuocere in una padella con un paio di cucchiai di olio. Salare e pepare e far andare i funghi a fuoco vivace fino a che non saranno morbidi. Ci vorranno pochi minuti.

Tagliate la mozzarella a cubetti e lasciatela scolare in un colino, in modo che perda il liquido in eccesso, onde evitare un risultato finale troppo sciacquarello.

In una padella antiaderente rosolate il macinato di maiale e le salsicce sbriciolate. Senza condimento perché la carne è già bella grassa e saporita (soprattutto le savecicce). Sfumate con un goccio di vino bianco e fate evaporare.

Prelevate una parte di porcini e tritatela insieme ad un paio di mestoloni di besciamella, così da ottenere una salsa ai funghi. Questo passaggio mi è stato suggerito da Sicciu de Bracciano, noto esportatore di pasta all’uovo, ripiena e non.

Scodellate  funghi e carne  nella marmitta della besciamella ed amalgamate il tutto. Sennò potete disporre i singoli ingredienti a strati separati mentre componete la Sagna. Io preferisco mischiare.

Preparate gli strati di Sagna. Ungete (o imburrate) una pirofila da forno ed adagiatevi il primo strato di sfoglia all’uovo. La pasta fresca in vendita nei supermercati può anche essere sbollentata ma in questo caso io lo sconsiglio perché il piatto finito è già di per se piuttosto soffice.

Coprite con un generoso strato di mix besciamella/funghi/carne. Aggiungete la mozzarella a dadini e cospargete il tutto con parmigiano grattugiato.

Ripetete l’operazione fino ad esaurimento degli ingredienti. Cospargete l’ultimo strato di pasta all’uovo con parmigiano grattugiato ed un po’ di mozzarella se vi è avanzata.

Cuocete  la Sagna in forno caldo ventilato a 220° circa per 25-30 minuti, fino a completa gratinatura del formaggio. Fatela freddare una mezz’oretta prima di servire sennò: a) si spappola e b) vi potrebbe provocare ustioni di secondo grado guaribili in giorni 15 salvo complicazioni (che però ce stanno sempre).

Se non avete funghi porcini a disposizione perché vostro padre non è fungarolo o quanto meno non è un fungarolo fortunato, potete utilizzare il misto bosco o anche gli champignon.

Il risultato sarà comunque apprezzabile. Qualsiasi cibo affogato nella besciamella (o nel mascarpone o nella Gnutella) dà il meglio di sé. E’ così. Fatevene ‘na raggione.

8 Responses to LASAGNE BIANCHE AI FUNGHI PORCINI

  1. pandiz3nzero scrive:

    Oh avessi visto uno solo di tutti questi quintali di porcini che hai a casa. Mamma mia che brutta cosa la nonregalouncazzoanessuno.

  2. keb0b scrive:

    Oooooooooooooohhhhhhhh…..e facce magnà un porcino, buh pe’ te.

    • sbardele scrive:

      Beh,la prossima estate che passiamo in quel di F.A. se la fortuna mi favorisce, li faccio magnà io du Porci Fungini ai simpaticissimi amici del blog.(tutti devono essere sapitori della splendosità di Sbardele….. e anche di chezsbardè và)
      saluti

  3. Paola Sbardy scrive:

    ahime’.perdete ogni speranza o voi che volete assaggia’.nemmeno io, che sono sorella e zia dei Sbarde’ qui’ inquisiti…tirchiatori di porcini.ho avuto l’onore di provare tal delizia…..vendetta tremenda vendetta!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. chezsbarde scrive:

    Ho parlato cor sor sbardele e ha detto che na fattuccina coi michetti ce scappa. quindi, quando è, io porto li funghi e voi fate le fettucce? Ce state?
    Massì che ce state.

  5. chezsbarde scrive:

    Non è mai troppo tardi…….sorè,non è mai troppo tardi ,(per ognuno c’è un porcino sempre o quasi sempre),Natale incombe……

  6. pandiz3nzero scrive:

    Io ci sto, KeBob non so, sai com’è restio alle mangiate.

  7. keb0b scrive:

    Ci devo riflettere, non lo so se me la sento.

Rispondi a pandiz3nzero Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>