OSTERIA PISTOIA, PIAZZA MADONNA DELLE SALETTE 13/14, 00152 ROMA

OsteriaPistoia1
 

Dice: "Ma mi ci porti una volta in un posto chic o dobbiamo fare i barboni per sempre?" – "Ma c'è la crisi e poi guardandote…volevo esse' all'altezza della situazione" – "Ma guarda che il mio è un look finto trasandato, in realtà punto ad attrarre l'attenzione in modo subdolo" – "Ma quei pedalini bianchi so de spugna?" – "Oh, so comodi…" – "Vieni va, te porto in un posto che sembra toscano e invece è solo bono…"

Perchè Pistoia è il nome del cuoco, niente di più, niente di meno.

LOCALE: Piccolino, ma comodo, arredato con semplicità e stile, molto romantico ed adatto a coppiette in vena di smancerie. Adatto anche per chi ama mangiar bene in tranquillità. Parcheggiate appena trovate posto nelle vicinanze della piazza, non fate gli arroganti, non avete l'auto blu e a voi le multe le fanno.

ANTIPASTI: C'è ampia scelta, la cucina è ricercata, a mio avviso in odore di stella. Gli ingredienti sono di prima qualità, generalmente in armonia con la stagione, quindi i piatti subiscono variazioni di frequente, mantenendo comunque uno stile che tende ad interpretare in chiave moderna i sapori classici della cucina mediterranea. Da sottolineare il Cannolo di Pasta Fillo con Mozzarella e Alici e la Tartare di Baccalà Desmigados, davvero squisiti.

PRIMI: Si spazia dai mari ai monti con semplicità disarmante, anche gli accoppiamenti apparentemente più arditi risultano piacevolissimi ed arrivano a stupire. Per dire….magari uno pensa che un tonnarello condito con ricotta e guanciale abbia un suo senso profondo solo davanti un falò al pascolo, invece fa da cornice perfetta anche ad una serata romana. La Gricia con ricotta di Atina è qualcosa di meraviglioso, così come le altre proposte dello chef, bisogna solo lasciarsi trasportare dalle proprie voglie.

SECONDI: Stesso discorso dei primi, massima varietà. Nell'occasione l'ha fatta da padrone il Galletto marinato cotto alla Brace. Mai e poi mai avrei pensato si potesse nobilitare a quel punto un pennuto. Notevole. Da non sottovalutare i piatti a base di pesce, freschissimo.

CONTORNI: In Italia mangiare in un ristorante dove non servono verdura di qualità vuol dire essere molto sfigati o molto stronzi. Io un po' stronzo lo sono, ma diciamo che stavolta m'ha detto bene…tutto gustosamente nella media dell' Osteria Pistoia…una media alta.

DOLCI: Lo chef nell'ambito esprime forse il meglio di sé. La Pera cotta al vino rosso con Gelato artigianale al Gorgonzola è un dessert che ancora oggi, a distanza di mesi, mi fa sgorgare sul volto un sorriso ebete e compiaciuto. Capito? Non è la lobotomia, è la pera. Giuro. E' la pera. Assurda, appagante, straordinaria e avvolgente. Vi vorrei parlare anche di quanto fosse ottima la Sfera al Cioccolato bianco, ma ero già sbronzetto e la pera al vino mi ha dato il colpo di grazia, da lì in poi regna l'oblio…

VINI e BEVANDE: La Carta dei Vini non sfigurerebbe in una vetrina di Bulgari. Cantine nobili, attenzione alla provenienza e all'annata, ma anche piedi per terra, se si vuole bere una bottiglia sotto i 18 euro se ne ha la possibilità, non preoccupatevi.

SERVIZIO: Camerieri simpatici, educatissimi, veloci, preparati. Servizio estremamente piacevole e rilassante.

PREZZO: Non è il massimo dell'economicità, ma con 40 euro si mangia bene, in quantità dignitosa, bevendo del buon vino.

 

VOTO: 9

 

CONTATTI:  SITO

One Response to OSTERIA PISTOIA, PIAZZA MADONNA DELLE SALETTE 13/14, 00152 ROMA

  1. […] OSTERIA PISTOIA, PIAZZA MADONNA DELLE SALETTE 13/14, 00152 ROMA sembra essere il primo su Sto Mondo e Quell' […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>