Tag Archives: dolci con la frutta

COBBLER DI SUSINE E UVA NERA di Martha Stewart

cobbler di susine e uva1

cobbler di susine e uva1

Era da un po' che volevo preparare questo dolce, attratta sicuramente dalla ricca presenza di frutta, ma soprattutto dall'origine anglosassone di questa specialità, e si sa, quanto a dolci loro non deludono mai.

Ho pescato la ricetta dal sito della stratosferica Martha Stewart, apportando qualche modifica specie per quanto concerne la scelta della farcia, infatti io ho optato per l'abbinamento susine-uva nera, che si è rivelato deliziosamente vincente. L'aggiunta del lime ha resto il tutto ancor più appetitoso.

Ingredienti (quantità già convertite)

  • 150 gr di zucchero semolato
  • 5-6 susine
  • 10-15 chicchi d'uva nera
  • due manciate di fiocchi di mais
  • 3 cucchiaini di frumina
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • la spremuta di 1 lime
  • 1 cucchiaino di zenzero in polvere
  • sale
  • 300 gr di farina 0
  • 2 cucchiaini di lievito
  • 115 gr di burro
  • 250 gr di panna fresca
  • 1/2 cucchiaino di aroma di vaniglia
  • zucchero semolato per decorare

Preriscaldare il forno a 180° C, quindi in una terrina mescolare le susine pulite e ridotte in cubetti, l'uva (privata dei semi), una parte dello zucchero semolato, la frumina, lo zucchero di canna, il succo di lime, lo zenzero, i fiocchi di mais ed infine il sale. Dopo aver amalgamato il tutto disporre il composto sulla base di una teglia (io ho usato quella in ceramica) e tenere da parte.

Preparare l'altro composto miscelando la farina con il lievito, il sale ed il restante zucchero semolato. Aggiungere infine il burro tagliato a pezzetti.

Inserire l'aroma di vaniglia nella panna ed aggiungerle al composto di farina, mescolando fino ad ottenere un composto morbido ed appiccicoso. Si dovranno ottenere come tante palline di dimensioni diverse e tale impasto dovrà essere distribuito sulla frutta precedentemente disposta in teglia. Coprire tutta la superficie, cospargere con lo zucchero ed infornare per circa 45 minuti.

Abbiate l'accortezza di disporre della carta forno sul ripiano che sosterrà la teglia, per raccogliere l'eventuale succo che sobbollendo cadrà dalla stessa.

Sfornare e servire tiepido.

 

cobbler di susine e uva

 

TORTA DELIZIA

image-1

RICETTA a cura della FALANGE SANNITA

 

 

 

…e dopo una lunga assenza, rieccoci con una nuova ricettina! Per la serie “A VOLTE RITORNANO”! Parliamoci chiaramente, non era pigrizia, ma accendere i “fuochi” d’estate sarebbe stato drammatico!!! Adesso si ritorna alle vecchie abitudini! 

ENJOY!

 

INGREDIENTI PER IL PAN DI SPAGNA ALLE MANDORLE:

 

  • 5 uova a temperatura ambiente
  • 75 gr di farina
  • 75 gr di farina di mandorle
  • 150 di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di lievito

 

INGREDIENTI PER LA FARCITURA E LA DECORAZIONE:

 

  • 250 gr di confettura di pesche “Fiordifrutta Rigoni di Asiago”
  • 50 gr di cioccolato fondente
  • 200 gr di pasta di mandorle
  • 150 gr di acqua, 60 gr di zucchero per la bagna e 1 bicchierino di rum

 

PREPARAZIONE:

 

Iniziamo dalla preparazione del Pan di Spagna. Separiamo i tuorli delle uova dagli albumi; montiamo i tuorli con lo zucchero e, quando il composto è gonfio e spumoso, aggiungiamo delicatamente le due farine e il lievito. A parte montiamo gli albumi a neve con un pizzico di sale, dopodiché li uniamo all’impasto. Versiamo in una teglia imburrata e infarinata e cuociamo a 160° C per circa 40 min. Trascorso il tempo, sforniamo la torta e facciamo raffreddare. Nel frattempo, facciamo bollire l’acqua e lo zucchero finché il liquido non diventa sciropposo, aggiungiamo il rum e mettiamo da parte. Tritiamo il cioccolato e facciamolo fondere a bagnomaria. Quando è ancora caldo, stendiamolo con una spatola a strisce non troppo sottili su un foglio di carta da forno e riponiamo in frigo a indurire. A questo punto possiamo riprendere il Pan di Spagna: tagliamolo in tre strati, bagniamo ogni disco con lo sciroppo e farciamo con la confettura di pesche, tenendone da parte un paio di cucchiai. Stendiamo la pasta di mandorle, aiutandoci con un po’ di zucchero a velo e ritagliamo tante strisce che intrecciamo in modo da formare un canestro. Spalmiamo la restante confettura sui lati della torta e facciamo aderire le sfoglie di cioccolato…et  voilà! il gioco è fatto! Semplice, ma d’effetto! 

 

 

 

TORTA STREGATA ALLE FRAGOLE

foto-2

RICETTA a cura della FALANGE SANNITA

Non è campanilismo, lo Strega è il liquore “gold standard” per qualunque preparazione dolciaria!!! Diteci qualcosa con cui non si sposi bene! A nostro avviso, comunque, la morte sua è con il cioccolato! Gli dà quel profumo, quel retrogusto…mmm…mettici poi le fragole, e il trionfo è assicurato! Dovendo festeggiare un compleanno, non ci siamo lasciate sfuggire l’occasione di preparare questa sontuosa torta…che, tra le altre cose, ha il vantaggio di non avere posto per le candeline…tattica!!!!!!!!!

ENJOY!

 

 

INGREDIENTI LA TORTA:

 

  • 1 pan di spagna al cioccolato
  • 300 gr di fragole
  • 80 gr di zucchero
  • 8 gr di gelatina
  • 1 bicchierino di strega 
  • 200 gr di acqua e 60 gr di zucchero per la bagna

 

INGREDIENTI PER LA DECORAZIONE:

 

  • 200 gr di cioccolato fondente
  • 100 gr di zucchero a velo
  • 20 gr di miele
  • 100 gr di fragole
  • 2 cucchiai di liquore Strega

 

PREPARAZIONE:

 

Iniziamo con il frullare le fragole, pulite e private del picciolo, con lo zucchero, incorporiamo la gelatina precedentemente ammorbidita in acqua fredda e sciolta a bagnomaria e mettiamo a rassodare nel freezer la purea, in uno stampo a cerniera dello stesso diametro della torta. Facciamo lo sciroppo con l’acqua e lo zucchero, quando inizia a ridursi, spegniamo il fuoco e lasciamo raffreddare. Dopo circa due ore, iniziamo a comporre la torta: tagliamo a metà e bagniamo i due dischi con lo sciroppo a cui avremo aggiunto il bicchierino di liquore Strega, poniamo sulla base il ripieno di purea di fragole e richiudiamo la torta. A questo punto, prepariamo il cioccolato plastico. Mettiamo a riscaldare 100 gr di cioccolato tritato a bagnomaria con il miele; quando si è sciolto, uniamo lo Strega e iniziamo ad impastare con lo zucchero a velo finché non abbiamo un panetto sodo, che riponiamo in frigo per 15 minuti. Nel frattempo, fondiamo il cioccolato rimasto sempre a bagnomaria e teniamolo da parte a temperatura ambiente. Riprendiamo il cioccolato plastico e stendiamolo con il matterello per ricavarne le decorazioni: nel nostro caso abbiamo fatto una fascia con cui abbiamo rivestito i lati della torta. Decoriamo la superficie con le fragole immerse nel cioccolato fuso. Un’altra “bottarella” di frigo e la torta è pronta per essere servita! 

 

 

 

 

Anche con questa ricetta partecipiamo al contest Color Food di Donatella del blog Fior di Rosmarino, per la categoria Rosso!

 

PAVLOVA INVERNALE ALLA JAMIE OLIVER

pavlova

RICETTA a cura della FALANGE SANNITA

 

Diciamolo, Jamie Oliver ci sta simpatico e ci fa anche un po’ tenerezza per lo sforzo di educazione alimentare che predica nelle città più obese degli States…Dopo questa ricettina semplice semplice, lo adoriamo! 

Mettiamoci subito all’opera! 

ENJOY!

 

 

INGREDIENTI:

 

  • 1 base di meringa o tante piccole meringhette
  • 200 ml di panna fresca
  • 2 pere
  • 80 gr di cioccolato fondente
  • 50 gr di nocciole tostate e tritate
  • 30 gr di zucchero a velo vanigliato
  • 30 gr di zucchero di canna
  • zest di un’arancia non trattata

 

PROCEDIMENTO:

 

Sbucciamo le pere, tagliamole a fettine abbastanza sottili e mettiamole a caramellare con lo zucchero di canna in una padella a fiamma vivace. Quando sono cotte ma ancora abbastanza sode, spegniamo la fiamma e lasciamole raffreddare. Tritiamo il cioccolato, facciamolo fondere a bagnomaria o nel microonde con 20 ml di panna e facciamo raffreddare anche questo. Intanto, prendiamo la restante panna, ben fredda, e montiamola con lo zucchero a velo finché non diventa molto compatta. A questo punto possiamo iniziare a comporre la torta! Circondiamo la base di meringa con un anello di pellicola d’alluminio, che servirà a non far sbavare ovunque la farcitura, e ricopriamola con la panna montata. Disponiamo le fettine di pera e le nocciole tostate sulla panna e irroriamo con la salsa al cioccolato. Completiamo con una grattatina di scorza d’arancia e mettiamo a rassodare in frigo. Quando la torta si è compattata, eliminiamo l’anello di stagnola e serviamola per la gioia degli occhi e del palato!

 

CROSTATA DI MORE E RICOTTA AROMATIZZATA ALLA MENTA

crostata ricotta more

Ricetta bucolicamente offerta da Pandizenzero

 

Ultimamente sto in fissa con gli orti, le piante da frutto, le coltivazioni in genere, mi garba sapere quando si semina, quando si raccoglie, ma soprattutto come si mangerà, che per me rappresenta il fine ultimo di ogni cosa. Sicchè, nonostante fossi totalmente disfatta da quel dolce tepore estivo che negli ultimi mesi ci sta veramente rompendo i coglioni, quando lo zio è venuto a casa ad annunciare che nel suo terreno vi era grande abbondanza di ricchi premi e cotillon mi sono riavuta e, riacquistando le mie proprietà intellettive, con entusiasmo mi sono unita all’allegra famiglia per depredare le proprietà agricole.

Mi son messa le scarpe da ginnastica, i calzoncini ed una maglietta, quindi mi sono appiccicata al sapiente zio Michele e l’ho ammazzato di domande, milioni di richieste, dubbi, indovinelli, lui mi è parso provato, tanto che ad un certo punto ha detto che si sarebbe allontanato per andare a comprare le sigarette, ma non è più tornato. Solo verso le 10 di sera mi son ricordata che ha smesso di fumare 2 anni fa, dopo che gli hanno diagnosticato il diabete.

Vabbè, nella mia solitudine ho cominciato a saltellare qua e là, tra girasoli, piante di pomodori, zucche, e mentre saltellavo pestando frutta e verdura, mio padre richiamava la mia attenzione con la parola “more”. Con uno scatto felino corro verso la sua voce, mi sfregio le gambe sapientemente non coperte dai pantaloncini, e mi precipito sotto un rovo enorme, carico carico di frutti, anche se non tutti maturi. E raccolgo! Come pollicino dietro i sassolini, io seguo i rovi e percorro la strada per casa a ritroso, fino a quando non mi rendo conto che è l’una, faranno ottantasette gradi ed il mio odore sembra quello di un petto di pollo lasciato sul davanzale a Tripoli per quindici giorni, piuttosto che quello di un essere umano in buona salute.

Il frutto della mia spedizione agroalimentare è un bel chiletto di more, con cui decido di preparare una crostata, associando delle foglioline di menta, anch’esse vittime della mia razzia, e della ricotta fresca di mucca.

Ingredienti (teglia di 28 cm di diametro):

per l’impasto

  • 300 gr di farina 00
  • 200 gr di burro freddo
  • 80 gr di zucchero semolato
  • 1 scorza di limone grattugiata
  • 2 uova
  • 1 pizzico di sale

per la farcitura

  • 300 gr di ricotta vaccina fresca
  • 1 kg di more, circa
  • qualche rametto di menta

Procedete innanzitutto impastando la farina con il burro, freddo di frigo, che dovrete ridurre in “fiocchi”, per cui assieme alla farina si dovrà formare un composto sabbioso. Aggiungete la buccia di limone grattugiata, lo zucchero, il sale ed infine le uova.

Lavorate a formare un composto omogeneo e morbido, senza però manipolarlo troppo. Quindi ricoprite il panetto con un canovaccio e deponetelo nel frigo a riposare per almeno un’ora.

Trascorso il tempo necessario tirate fuori il composto, disponetelo su una teglia a cerniera ben imburrata e punzecchiate con una forchetta il fondo, dopodichè ricoprite con della carta forno su cui avrete disposto dei fagioli e fate cuocere in forno preriscaldato a 160° C per circa 20 minuti.

A cottura ultimata, rimuovete la carta forno e tenete la crostata al caldo per altri 5 minuti. Quando sarà dorata anche sul fondo spegnete il forno, sfornatela e lasciatela raffreddare.

Per completare questo dolce delizioso aggiungete gli altri ingredienti quando la crostata è ancora tiepida.

Disponete la ricotta sul fondo, quindi coprite l’intera area con le more e qualche fogliolina di menta.

 

Buona merenda e buon ritorno dalle vacanze :o(

 

 

 

MINICHEESECAKE DI NESPOLE E GELSOMINO

dscn1103

RICETTA romanticamente offerta da PANDIZENZERO

Oh finalmente è arrivato anche per me il momento cheesecake! Si perchè visto il clima e considerate le temperature, non è che mi venisse molto di cucinare, anzi non-cucinare, un dolcettino freddo….Ma alla fine è giunta l'estate (dai ormai si pole anche chiama' così, stai a vede' i solstizi) e con lei i millemila frutti e verdure che si porta dietro, con colori, sapori, odori da ammattire.

E tra tutto questo tripudio di colori e sapori ho voluto scegliere uno dei frutti meno nobili, uno tra quelli meno considerati e ricercati, si dai, diciamo anche uno dei più sfigati, la nespola.

Perchè la nespola è meno quotata  di fragole, ciliegie, pesche, albicocche, la nespola in effetti è un po' come la bruttina della compagnia, simpatica, allegra, anche particolare (con quel coso strano in cima), ma con poca attrattiva. Ma voi avete mai sentito dire a qualcuno "hai la pelle di una nespola", oppure "sei succosa come una nespola", "le tue labbra sembrano di nespola"?…dai, è il rifiuto dei frutti estivi.

E proprio per questo, perchè ci tengo a dare spazio soprattutto alle minoranze, ho voluto usarla per questo cheesecake, esaltandola e dandole il merito che le spetta. Perchè come molte bruttine, quando togli loro gli occhiali, gli fai levare l'apparecchio e gli fai mettere a posto i capelli crespi, diventano bellissime, e buonissime.

INGREDIENTI PER 6 MINICHEESECAKE:

PER LA BASE

  • 100 gr di biscotti tipo digestive
  • 50 gr di burro
  • 1 cucchiaio di zucchero (io ho usato quello di canna)

PER LA CREMA

  • 2 fogli di colla di pesce
  • 150 ml di panna fresca
  • 2 cucchiai di zucchero a velo
  • 150 gr di formaggio tipo Philadelphia
  • essenza di vaniglia (se vi va)

PER LA COPERTURA

  • 6 nespole
  • 2 fogli di colla di pesce
  • 50 gr di zucchero
  • qualche fiore di gelsomino

Innanzitutto procedete triturando i biscotti nel robot, quindi aggiungete il burro fuso e lo zucchero di canna.

Deponete questo composto sulla base dei pirottini, livellando con un cucchiaino, e lasciate riposare per circa 20 minuti in frigorifero.

In una ciotola con acqua fredda mettete a sciogliere la colla di pesce, per circa 10 minuti.

Preparate la crema amalgamando il formaggio con lo zucchero a velo e l'essenza di vaniglia (se avete deciso di usarla), poi scaldate 50 ml di panna e scioglietevi la colla di pesce, quindi aggiungete alla crema di formaggio. Montate il resto della panna e accorpatelo al composto precedentemente preparato.

A questo punto tirate fuori dal frigo i pirottini biscottati e con una sac à poche coprite la base con la crema.

Depositate il tutto in frigo per qualche ora, dimodochè la crema si assesti e possiate poi sgusciare i minicheesecake senza rovinarli.

Per preparare la copertura, lavate e pulite le nespole, quindi fatele a pezzetti e mettetele in una casseruola con lo zucchero. In una terrina ponete la colla di pesce con dell'acqua fredda, così che possa ammorbidirsi. Per quanto riguarda i fiori, lavateli e puliteli bene, fate in modo che non sia presente quel liquido lattiginoso che si trova nel gambo.

Inserite i fiori nel pentolino e lasciate che si sciolgano assieme alle nespole, girando frequentemente, quindi aggiungete la colla di pesce ed aspettate che il tutto si riduca ad un composto gelatinoso.

Passate al mixer, fate raffreddare e ricoprite i cuoricini con la farcitura, quindi ponete di nuovo in frigo.

Occhio a rimuovere i gusci di silicone, altrimenti vi si spezza il cuore!!

Buona merenda!!

Con questa ricetta partecipo al contest Petali nel piatto del blog Essenza in cucina di Cinzia.

Questa ricetta fa parte dello Speciale Cheesecakes, pubblicato da Blog di Cucina 2.0. Lo speciale è scaricabile cliccando su questo LINK