Tag Archives: ricetta salata

CROSTATA SALATA CON VERZA E PATATE

crostata verza e patate

In cucina c'è PANDIZENZERO

 

crostata verza e patate

E' tempo di scampagnate, di pic nic (altresì detto "romanata"), di spalmarsi su un bel prato all'ombra di alberi frondosi e godersi questa primavera stentorea.

Il 25 aprile, come è usanza, ci siamo diretti verso la lussureggiante Villa Pamphilii e ne abbiamo colonizzato una porzione, invadendo il terreno con una quantità di cibo indecente, come al nostro solito d'altra parte, fatto di pasta fredda, torte rustiche, patatine, panini al salame, panini alla mortadella, cocacola, fanta, birra, caprese al cioccolato, crostata di marmellata e insulina (non si sa mai….).

A me spettavano le torte rustiche ed una delle due preparazioni è la ricetta che vi propongo oggi, già positivamente accettata dal pubblico lo scorso anno.

Ingredienti

per la frolla salata

  • 250 gr di farina 00
  • 150 gr di burro freddo
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di sale

per il ripieno

  • 4 patate
  • 1/2 cavolo verza
  • provola affumicata q.b.
  • 1 scalogno
  • olio evo
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • noce moscata q.b.
  • brodo vegetale

Preparate la frolla dispondendo la farina a fontana su un piano di lavoro, aggiungete il burro a dadini, al centro inserite  l'uovo, quindi salate. Impastate velocemente, quando avrete ottenuto un composto abbastanza omogeneo riponetelo in frigo avvolto nella pellicola trasparente per qualche ora.

Nel frattempo preparate il ripieno ed in una casseruola fate dorare lo scalogno in olio, quindi inserite il cavolo tagliato a listarelle ed un po' di brodo, coprite con il coperchio e fate appassire per qualche minuto.

Dopo circa 10 minuti aggiungete le patate tagliate a fette e altro brodo, salate, pepate e aromatizzate con la noce moscata (se non vi va omettetela). Lasciate cuocere per circa mezz'ora, facendo attenzione a non far asciugare troppo.

Togliete dal frigo la frolla qualche minuto prima e fatela riscaldare fino a che diventa lavorabile. Con un mattarello stendete l'impasto e disponetelo sulla base di una teglia precedentemente foderata con carta forno, quindi disponete sul fondo le fettine di scamorza e sopra versate il ripieno, quindi ricoprite con altra frolla (io ho optato per delle strisce) ed infornate a 180°C per una ventina di minuti.

crostata verza e patate1

E' sparita in un attimo….

COUS COUS DELLA COSTIERA

couscous colatura alici1

RICETTA con molto piacere OFFERTA DA PANDIZENZERO

 

Avete presente quella sensazione di malinconia fortissima che avvertite di fronte ad una canzone, una foto, un odore? Quella specie di morsa che stringe lo stomaco ed inclina la testa? Ecco, a me capita almeno 300 volte l'anno nel momento in cui ricordo le mie vacanze estive nel Cilento, con i suoi olivi, il mare limpidissimo, l'odore di buono, l'aria fina e i pomodori freschi, il basilico e la lavanda, facce felici, l'olio solare, solo cicale e qualche cane che abbaia.

Per me quella è l'idea di vacanza, ma non intesa come ferie d'agosto, assenza dal lavoro, cellulare spento e colleghi dimenticati, no, per me il Cilento è assimilabile all'etimologia della parola vacanza: dal latino VACANTIA, da VACANS, participio presente di VACARE, essere vacuo, sgombro, libero, senza occupazioni. Capito? Senza (pre)occupazioni, il luogo del cuore dove svuotare l'anima e riempirla a piacere, come la calza della Befana.

La ricetta che ho scelto per il contest della  Kucina di Kiara si avvicina a quelle zone, ma si ferma un po' prima, sulla meravigliosa (ma anche di più) costiera amalfitana, dove i limoni ed il pesce regnano sovrani e si incontrano in migliaia e migliaia di piatti, ognuno con il suo sapore e la sua identità. Ho voluto scegliere un ingrediente particolare, come la colatura di alici di Cetara per insaporire un cous cous da servire freddo, al profumo di limone e timo, per ricordarmi che manca davvero poco per me ad essere vacua…….

 

Ingredienti:

  • cous cous (100 gr per 150 ml di acqua)
  • colatura di alici q.b.
  • qualche fetta di pane
  • la buccia di 1 limone
  • timo q.b.
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • sale q.b.

Portare ad ebollizione la quantità di acqua adeguata alla quantità di cous cous che vorrete cuocere, quindi versarla sul cous cous precedentemente posto in una terrina ed attendere che venga assorbita. Dopo pochi minuti con una forchetta separare i granelli per favorirne il raffreddamento, poi mettere da parte.

In una padella antiaderente mettere a tostare il pane ridotto in briciole grossolane, farlo dorare e tenerlo da parte, quindi scaldare l'olio con uno spicchio di aglio, aggiungere qualche fogliolina di timo e rimuovere l'aglio prima che soffrigga. Togliere dal fornello la padella e versare nell'olio ancora caldo (ma non bollente!) la colatura ed il pane.

Quando il cous cous si sarà intiepidito condirlo e servire freddo.

 

 

 

 

 

Con questa ricetta partecipo al contest di Chiara: Cereali&Co. in Insalata