Tag Archives: torta soffice

PLUMCAKE DI SEMOLA NOCI E MELAGRANA

dscn0190

RICETTA finalmente autunnale OFFERTA DA PANDIZENZERO

Quando una persona cara torna a casa dall’ospedale in buone condizioni è sempre una festa, e così è stato a casa mia, quando dopo un mese di ricovero la mamma è stata dimessa. I primi giorni era ingestibile, ha battuto ogni record di cazzate al minuto, immaginava cognate incinte, piante parlanti, eredità trafugate, case vendute di soppiatto, Berlusconi in carcere, poi è migliorata, ha riacquisito lucidità ed ha richiesto la mia presenza. Dieci ore al giorno, a nero, straordinari non pagati, senza ferie nè malattia.

La mamma in convalescenza dettava ordini e io eseguivo. Dalla cura della sua persona (smalto alle unghie dei piedi compreso), alla spesa, dallo sfollettamento di tutta casa alla preparazione del pranzo, e apparecchia, sparecchia, metti la lavatrice, monta i bigodini, fonale i capelli, rispondi al telefono, alle 16 completamente distrutta mi siedo per chiamare il 118 e dalla cucina sento una voce soave che fa “e questi piatti non li lavi?”. Cambio idea e chiamo la CGIL ma non c’erano, dice che avevo sbagliato numero. Sicchè affronto il datore di lavoro e chiedo la concertazione, pausa di almeno un paio di ore, voglio fare un dolce, autunnale, con i pippoli della melagrana che mi garbano tanto, e le noci. Sai che c’è, invece della farina bianca voglio usare la semola.

Ed eccolo qua il plumcake (del lavoro) nero.

Ingredienti:

  • 250 gr di farina di semola
  • 80 gr di zucchero
  • 2 uova
  • i chicchi di 2 melagrane
  • 10 noci
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1/2 bustina di lievito
  • 1 bicchiere di latte parzialmente scremato

Innanzitutto procedete mettendo i chicchi di melagrana (lasciatene un po’ per la decorazione) in una pentola antiaderente con due cucchiai di zucchero e due dita d’acqua. Fate “lessare”, quando l’acqua sarà riassorbita ed i chicchi saranno morbidi, passate al mixer, ma per pochissimi minuti, altrimenti si tritureranno anche tutti i semi e ciò non va bene. A questo punto filtrate il composto e tenete da parte il succo ottenuto.

In una terrina mischiate i tuorli delle uova con lo zucchero, quando avrete ottenuto una crema aggiungete la farina poco per volta, alternando con l’olio prima ed il latte poi, quindi incorporate il lievito. Amalgamate bene il tutto, poi aggiungete gli albumi montati a neve, manualmente e con delicatezza, dal basso verso l’alto, fino ad ottenere un impasto omogeneo. Per ultimi inserite le noci ed il succo di melagrana, continuando a mescolare.

Disponete della carta forno a rivestire lo stampo per plumcake, quindi versate l’impasto, disponete i chicchi sulla superficie e cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 25 minuti.

Sfornate e servite tiepido!

Tante belle cose a tutti.

TORTA SOFFICE & LIGHT AL LATTE DI KEFIR

dscn1396

RICETTA morbidamente offerta da PANDIZENZERO

AVVISO AI NAVIGANTI

Questa ricetta contiene poche calorie, se ne sconsiglia pertanto l'utilizzo a chi voglia somministrare un dolce ipercalorico alla suocera diabetica  con il fine di causarne il coma.

Lettore avvisato, mezzo salvato.

Detto questo, veniamo alla parte più importante.

Quella che vedete ha tutto l'aspetto di una torta soffice, profumata, deliziosa come merenda da accompagnare al tè delle 5 (p.m.), ma anche da tuffare nel latte al mattino, e che ne dite di una fettina dopo cena? Si può fare, credetemi. Il trucco di questo dolce speciale sta nello zucchero che è stato utilizzato, anzi dovrei dire NON utilizzato.

Questa volta ho voluto sperimentare, sicuramente più di altre volte, utilizzando un ingrediente quantomeno anomalo, ma non meno piacevole, e soprattutto 100% sano. La Misura Stevia mi ha infatti gentilmente inviato dei campioni di un prodotto che in realtà io conosco da molto tempo ormai, galeotto fu un congresso dove per la prima volta rimasi rapita da questo dolcificante che di dolcificante non sa, dalle origini estremamente interessanti.

La stevia è un arbusto originario del Sudamerica dalle cui foglie si estrae una sostanza molto più dolcificante dello zucchero, ma con un potere cariogeno inferiore, assolutamente naturale e, soprattutto per noi donnine che vogliamo mettere il costumino, nessuna caloria. Il sito vi permetterà di sciogliere ogni dubbio in merito a questo portentoso prodotto, le cui qualità sono state riconosciute dai più grandi esperti di nutrizione internazionali, specie in considerazione dell'utilizzo che se ne può fare tra i soggetti affetti da patologie metaboliche.

Matta che sono ho voluto provare ad inserire questo ingrediente nella torta, tenendo in considerazione due aspetti: essendo questo un dolce lievitato non si può sostituire tutto lo zucchero previsto con Stevia, altrimenti la lievitazione diviene impossibile. Secondo, essendo il potere dolcificante di questo prodotto molto più elevato dello zucchero, non si può equiparare la quantità di uno a quella dell'altro, vien da sè che il quantitativo di Stevia debba essere  minore.

INGREDIENTI per una torta del diametro di 25 cm:

  • 100 gr di farina 00 Molino Chiavazza
  • 150 gr di farina di riso Molino Chiavazza
  • 2 uova
  • 250 ml di latte di kefir
  • 80 gr di zucchero a velo
  • 5 cucchiai di dolcificante Misura Stevia
  • 1 bustina di lievito

Separare gli albumi dai tuorli, quindi mescolare questi ultimi con lo zucchero a velo ed il dolcificante.

Aggiungere il latte di kefir, sempre continuando a mescolare, quindi le farine ed, infine, la bustina di lievito setacciato; montare poi le chiare a neve ed incorporarle al composto.

Imburrare una teglia (io ho usato finalmente quella a cerniera), versatevi il composto ed infornatelo a circa 160° C per una ventina di minuti (il tempo è relativo, fate la prova dello stuzzicadenti così evitate di sbagliarvi).

A cottura ultimata lasciate raffreddare e cospargete con zucchero a velo.

Un'ultima cosa, la torta è molto più buona il giorno successivo alla cottura, quando sarà altrettanto morbida ma con un gusto migliore. Ciò è legato, probabilmente, al dolcificante che una volta raffreddato perde il suo caratteristico sapore "forte".

Fundo in dulcis

100 gr di Misura Stevia equivalgono a 2,84 kcal

100 gr di Latte di kefir equivalgono a 64 kcal (il minor quantitativo di calorie tra tutti i tipi di latte animale) e 3,3 g di lipidi (il minor quantitativo di lipidi tra tutti i tipi di latte animale)

Non ho usato il burro, nè l'olio, quindi si può mangiare o no una fetta di questa torta verso le 22:30?……