THE LOBSTER PLACE 75 9TH AVENUE NEW YORK, NY 10011

lobster place 0
 

 

A CURA DI CHEZSBARDE’

- Era da un po’ che non scrivevo su sito.

Dice: Meno male che ce penza Pandezenzero.

- Vabbè ma io c’ho da lavorà

Dice: E perché lei nun lavora?

- Se c’ha tempo de scrive magari nun lavora poi tanto. E calcola che viene pagata coi soldi pubblici, cioè con i nostri soldi!

Dice: Magari è solo meno fancazzista de te. E tra l’altro, pure te sei pagato coi soldi pub……

- Vabbè dai mo’ che c’entra! Torniamo al sito và, ho voglia di scrivere di un posto fighissimo a NY ‘ndove si mangia il pesce.

Dice: Troppa grazia…….

- Che dichi?

Dice: Niente, niente, continua a scrive.

E’ risaputo che i Michetti siano andati in quel di New York a farsi qualche sano giorno di vacanza. I Michetti stessi, infatti, si sono ampiamente bullati della cosa sui social network, documentando qualunque insulsa esperienza avessero avuto modo di vivere. L’eco della visita dei Michetti in terra straniera è stata tale che Mentana c'ha aperto il TG per due volte di seguito.

Durante il nostro girovagare, siamo incappati nel Lobster Place (letteralmente: La casa dell’Astice), la pescheria più ganza mai vista sulla faccia della terra, seconda solo al mercato del pesce a Tokyo e a Gennaro ‘o Vibrione. Che ha di speciale il Lobster Place? Semplice, ivi è disponibile pressoché qualunque specie ittica. Sia viva che non viva. Sia al naturale che pronta da cuocere.  Sia cruda che cotta.


Entrare al Lobster Place è un’esperienza conturbante. Si viene immediatamente inondati dall’intenso profumo di mare, di acqua salata, di pesce fresco.  Dopo di che ci si perde tra i mille banconi di una pescheria grande come la provincia di Campobasso. 

L’attenzione viene immancabilmente attirata dall’ampio bancone sul quale svariati sushi men in batteria sfornano a ciclo continuo maki e nigiri da asporto per il banco frigo. Il pesce è frescherrimo. Per averlo più fresco occorre sfilettare una spigola viva (cosa che i sushettari giapponesi purtroppo fanno e non è un bello spettacolo).

Altro settore interessante è quello dei molluschi: datteri di mare, cannolicchi, mega vongoloni oceanici (belli ma sciapiti), tartufi di mare e le immancabili ostriche. Tante ma tante ostriche. Robba che manco le cene elettorali del PDL. Se vi prende il matto potete farvele aprire e sbafarvele su due piedi, abbondantemente innaffiate di sugo di limone. Un ottimo rimedio per la gotta. Pe’ fassela venì.

Il banco frigo è lungo come la tratta Orte-Fiumicino e contiene la più completa esposizione di piatti pronti che si possa immaginare. Oltre ai già citati sushi, infatti, fanno bella mostra di sé wrap al tonno, insalate di mare, chele di granchio (quelle vere, non quelle merdacce di surimi), salmone sfilettato e cocktail di gamberi. Proprio quest’ultimo ha stimolato il mio irrazionale impulso all’acquisto (come mi accade sovente con gli ovetti kinder in cassa al supermercato). Tant’è che mi sono comprato e sgricilato un 4 etti buoni di gamberoni in 17 secondi, alle 10 del mattino. Esperienza appagante che ho concluso con un rutto belluino, ricevendo i complimenti dei sushettari, perché i gialli queste cose le apprezzano.


Ma il vero punto di forza del Lobster Place è ovviamente il bancone degli astici: un muro alto un metro e mezzo di crostacei ben impilati e pronti da acquistare e/o gustare. Ti scegli l' astice della dimensione più adeguata al tuo stomaco. 4 sono le taglie: Small (equivalente ad un abbacchio senza recchie); Medium (grossa come un velociraptor); Large (allosauro); Jumbo (Gamera).

Il prezzo è un tanto a libra per le bestie crude o qualcosa in più per quelle cotte. Se uno vuole, infatti, può chiedere al simpatico tizio messicano di cuocergli l’astice al vapore, per  mangiarselo a casa o meglio ancora sul posto. Ho visto gente che alle 10 del mattino si sgricilavano astici bollenti affogati nel burro fuso. E io che mi sentivo un vero maschio per aver fatto colazione con gamberi e tabasco. Che umiliazione……..

Se andate a NY nei prossimi giorni fateci un salto. Il locale è prossimo alla riapertura.

SITO: http://www.lobsterplace.com/

One Response to THE LOBSTER PLACE 75 9TH AVENUE NEW YORK, NY 10011

  1. keb0b scrive:

    Uno dei posti più belli, di ambito 'pesce', che abbia mai visitato in vita mia….

Rispondi a keb0b Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>