“TICK TOCK DINER”, 481 8th AVE, NEW YORK, NY 10001

Tick Tock Diner New York
 

RECENSIONE a cura di quello alto, Keb0b

Dice: "Ma quei noodle non è che fossero proprio buoni" – "Non molto" - "No, infatti, abbastanza deludenti" - "Abbastanza" - "Facevano proprio schifo al cazzo" – "Il concetto è limpido mio Duca di Arvalia, ora la conduco in altri lidi perchè possa nutrire il suo corpo forte e la sua anima di Signore" - "Eh, c'ho ancora fame c'ho…."

 
Come si farneticava in precedenza , mai cedere al fascino del localino mainstream che propone ambientazioni minimaliste e piatti esclusivi e privilegiare sempre, ma proprio sempre, gli scenari pacchiani e dall'aspetto trasandato. A New York funziona così e se segui questa regola non sbagli mai, successo garantito. Atmosfera soft e musica Jazz? Cibo pietoso. Neon cafonissimi e sedili di Cadillac al posto delle sedie? Goduria assicurata.  L'America è il paese di Quentin Tarantino, non di Francois Truffaut.
 
LOCALE: Eccessivo, pieno di luci e di specchi, tavoli piuttosto piccoli e chiasso infernale. Un Diner, insomma. Però un Diner nel cuore di Manhattan, non so se mi spiego.

 
CIBO: Francamente potrei stupirvi con effetti speciali e spiegarvi la differenza tra Appetizer, Sandwich, Burger e Specialty, ma voi potreste essere altrettanto franchi e chiedermi una gomma da masticazzi, quindi mi limiterò a ricordarvi che negli Stati Uniti si è soliti ridurre il pasto ad un concreto, corposo, prepotente Piatto Unico a cui generalmente si fa seguire una bella fetta di torta o una coppa di gelato. Si tende a pensare questo sia il menù classico da Fast Food, ma in realtà è così in quasi tutti i luoghi di ristorazione…la cultura anglosassone non prevede di indugiare a tavola, se non per scolare l' ultimo boccale.
 
 
 
 
Ma noi no, niente, siamo dei professionisti, siamo i Michetti, non ci facciamo chiacchierare dietro, quindi, prima di aggredire i famigerati American Burgers, abbiamo ordinato con fare spavaldo una bella quintalata di Chicken & Chorizo Nachos (conditi con Ketchup, Cheddar, Panna acida, Cipolle fresche, Jalapenos e Guacamole). Il cameriere quando ha capito le nostre intenzioni ha sorriso e ci ha guardato con compassione. E noi l'abbiamo deriso. Sappiate che stavamo per morire, ci siamo salvati solo perchè riusciamo ad estroflettere lo stomaco come gli Shoggoth di Lovecraft. Please, don't try this at home.
 
In ogni caso questo piatto ci ha scaldato le membra e ci ha risvegliato sensi intorpiditi dal ricordo di egg noodles crudi e zuppette risicate. Quando sono arrivati i Burgers la commozione è stata tanta e abbiamo faticato a trattenere le lacrime. Io mi sono girato di scatto, gridando al mio amico Potsie di cantarci 'Deeply', ma poi mi hanno schiaffeggiato e mi son calmato…
 
Al nostro tavolo hanno servito, nell'ordine, il Rodeo Burger (con cipolla in salsa BBQ, Bacon canadese, Monterey Jack Cheese e contorno di patate fritte) , il BBQ Ranch Burger (con Bacon croccante, Cheddar, salsa BBQ e Waffle fries) e il Tuna Tommy Melt (sandwich di pane misto segale con insalata di tonno, pomodoro e formaggio Muenster, servito con patate fritte). Tutto squisito, sapori tracotanti, bella esperienza.
 
 
DOLCI: La quantità di burro utilizzata dai pasticceri americani è inferiore solo a quella utilizzata dai colleghi tedeschi e Tick Tock conferma la tendenza. Fatevi due conti. Se virate su un qualcosa di mite come la Cheesecake uscite dal locale con le vostre gambe. Se invece, come noi, siete degli stolti e vi fate affascinare da luci e lustrini, ordinate una fetta di Red Velvet e pagate pegno al colesterolo. Oltre che alla nausea. Mai mangiato una torta così drogata dal burro, nemmeno su un volo Lufthansa. Atroce.

VINI e BEVANDE: Bevete acqua di rubinetto, con ghiaccio, a piccoli sorsi. E' buona, è gratis. Avete già ingerito 2000000 di calorie, non me sembra il caso di metterci il carico da 11…
 
SERVIZIO: La mancia la devi lasciare per forza, quindi i camerieri sono bravi per forza e gentili per forza. Ottimo servizio, per forza.
 
VOTO: 8.5. Per me non è un Diner, è IL Diner.
 
 
 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>